Der BergBlüten Jahresrückblick 2022

Ein Jahr zählt 365 Tage. 365 Tage, an denen man etwas bewirken kann. 365 Tage, an denen man an sich selbst arbeiten und wachsen kann. Tage, die man nutzen kann, um vorwärtszukommen und sich zu verbessern. Auch wir bei der BergBlüten AG haben in den letzten 365 Tagen einiges erlebt. Mit viel Freude präsentieren wir: Unser BergBlüten Jahresrückblick 2022.

Aktienkapitalerhöhung

Bereits im Frühling dieses Jahres haben wir als BergBlüten AG eine AKTIENKAPITALERHÖHUNG durchgeführt, um das Eigenkapital des Unternehmens zu erhöhen. Die Aktienkapitalerhöhung wurde genutzt, um wichtige strategische Partnerschaften zu fixieren. Durch die Zusammenarbeit mit renommierten Partnern wie Scott Blakey, besser bekannt als Shanti Baba, konnten wir unsere Wettbewerbsfähigkeit stärken und neue Geschäftsmöglichkeiten erschließen.

Erstes Frauenprodukt

Ein weiteres erfreuliches Ereignis war der Launch unseres ersten spezifischen Frauenproduktes KRAFTTAGE. Krafttage ist ein wohltuendes Massageöl. Es wurde von Frauen für Frauen entwickelt. Wir haben uns bewusst dafür entschieden, ein Produkt speziell für Frauen zu produzieren und zu launchen, da wir der Meinung sind, dass Frauen in der heutigen Gesellschaft oftmals zu wenig Aufmerksamkeit und Unterstützung bekommen. Während eines Zyklus durchleben Frauen unterschiedliche Phasen. Körper und Geist brauchen an manchen Tagen mehr Unterstützung als an anderen. Während der Menstruation oder in den Wechseljahren ist Krafttage für Frauen da, um Ruhe und Kraft zu schenken, Weiblichkeit zu zelebrieren und die individuellen Stärken von Frauen in den Mittelpunkt zu stellen.

Neue Manufaktur

Ein Highlight des Jahres 2022 war die APERTA. Zusammen mit unserem Team und vielen BergBlüten-Fans durften wir unsere neue BergBlüten Manufaktur eröffnen und einweihen. Mit dieser hochmodernen Anlage haben wir einen Schritt Richtung Zukunft gemacht. Durch die neue Kurzwegdestillationsanlage konnten wir die Qualität unserer Produkte stark verbessern. So sind wir im Stande eine höhere Qualität zu gewährleisten, welche sich im Geschmack und vor allem in der Wirksamkeit bemerkbar macht. Unsere eigene Produktionsstätte bietet uns die Möglichkeit, CBD-Produkte der Spitzenklasse herzustellen, und das völlig autonom. Dank Analysen von beispielsweise unserem CBD Öl BergBlüten Ursprung können wir durch die gewonnenen Erkenntnisse unsere Produkte stetig verbessern und die hohen Qualitätsansprüche unserer Kunden erfüllen.

Interview mit Eishockeyprofi Fabian Heldner

INTERVISTA AL GIOCATORE PROFESSIONISTA DI HOCKEY SU GHIACCIO FABIAN HELDNER

Visp - Davos - Losanna: Fabian Heldner di Eyholz è un giocatore professionista di hockey su ghiaccio. Cresciuto a Eyholz, l'uomo dell'Alto Vallese ha superato tutti i livelli junior dell'EHC Visp prima di fare la sua prima apparizione in NLB all'età di sedici anni (!). Nel gennaio 2014 è stato ingaggiato dall'HC Davos, dove ha festeggiato il campionato svizzero con il leggendario allenatore Arno del Curto nella stagione 2014/2015. Dopo cinque anni e oltre 200 partite ufficiali con l'HC Davos, Fabian Heldner ha deciso di fare il passo successivo nella sua carriera ed è passato all'HC Lausanne, dove è attualmente sotto contratto. Fabian Heldner ha risposto ad alcune domande entusiasmanti e interessanti su vari argomenti come la rigenerazione o il CBD.

Fabian, quando sei salito sul ghiaccio per la prima volta?
Fabian: Sono salito sul ghiaccio per la prima volta quando avevo quattro o cinque anni. Allora mio nonno Walter Salzmann mi portò alla Litternahalle. Era molto appassionato di hockey e divenne campione svizzero nel 1962 con l'EHC Visp o prese parte ai Giochi Olimpici del 1964. Mi ha portato alla Litternahalle per il pattinaggio libero. Non molto tempo dopo mi stavo allenando in quella sala con la mia prima squadra juniores.

Scuola e sport per promuovere i giovani talenti: una buona idea?
Fabian: Tutti i partecipanti a questo concetto potrebbero certamente beneficiare della formazione durante i loro giorni di scuola. Tuttavia, questa volta è molto faticoso e impegnativo. È una grande sfida riconciliare tutto. A causa della formazione durante la scuola, ti perdi molto materiale in classe, che di solito devi recuperare la sera dopo la seconda sessione di formazione (da solo). Esci di casa la mattina presto e torni a casa la sera tardi completamente esausto. A differenza dei paesi scandinavi, la Svizzera ha sicuramente ancora molto margine di miglioramento con tali concetti. Tuttavia, sono contento di aver avuto l'opportunità di far parte di questo concetto di scuola.

Visp, Davos, Losanna: in quale delle tue posizioni professionali ti sei sentito più a tuo agio?
Fabian: Questa è una domanda difficile. Dal punto di vista sportivo mi sono trovato molto bene a Visp all'inizio. È stato anche bello poter giocare così vicino a casa. Tuttavia, se poi ti rendi conto che sei solo seduto in panchina, col tempo diventa meno divertente. Mi sono trovata molto bene anche a Davos per lunghi tratti, anche se il collegio dove vivevo non era proprio qualcosa per me. Ad un certo punto ho avuto la sensazione di aver bisogno di un cambiamento per poter crescere ulteriormente. Ora sono a Losanna e di nuovo mi sento estremamente a mio agio. È difficile per me descrivere un luogo come il luogo in cui mi sono sentito più a mio agio. Ogni luogo era speciale a sé stante e cruciale per la mia carriera nell'hockey.

Quanto è lunga la tua lista degli infortuni? Quale infortunio è stato il più ostinato?
Fabiano: Ojeee! *ride* Da polsi rotti a rotule rotte o disturbi della crescita con conseguente infiammazione al ginocchio destro, una colonna vertebrale rotta o varie commozioni cerebrali, tutto è in realtà in questo (lungo) elenco. L'hockey è uno sport di contatto, quindi c'è sempre il botto. La cosa più importante di un infortunio è anche la cosa più difficile: devi dare al tuo corpo abbastanza tempo per riprendersi. Normalmente vuoi tornare sul ghiaccio il più velocemente possibile, tornare in squadra il più rapidamente possibile. Cosa devi considerare come atleta professionista: la salute è una delle cose più importanti, la salute è il nostro capitale. Anche mentalmente, gli infortuni devono essere elaborati bene. Anche il modo in cui affronti un infortunio ha un impatto significativo sulla riabilitazione. Citerei l'arresto della crescita come il mio infortunio più persistente. Ho avuto dolore al ginocchio destro per circa dieci anni a causa di ciò. Fino al mio intervento chirurgico, questo infortunio è sempre stato un problema per me.

NHL - Un sogno che non è mai morto?
Fabian: Fondamentalmente, non sono il tipo di persona che guarda lontano nel futuro. Il mio obiettivo è migliorare costantemente ed essere in grado di presentarmi bene. Il mio obiettivo è anche quello di far parte regolarmente della nazionale svizzera. Sarebbe bello se un giorno funzionasse e fossi firmato per una squadra NHL. Fino ad allora, ogni giorno mi aspetta un duro lavoro.

Prima che la carriera sia dopo la carriera - dove vedremo Fabian Heldner tra 20 anni?
Fabian: Come ho detto, non sono uno che guarda lontano nel futuro. Dopo la scuola dell'obbligo ho svolto un apprendistato come commerciante presso il liceo sportivo di Davos. Al momento sto ancora completando un diploma di economia per aprire la strada al mio futuro dopo lo sport professionistico preparare. Nessuno sa dove o cosa lavorerò un giorno.

Come ci si rigenera dopo faticosi allenamenti e partite?
Fabian: Il recupero dopo allenamenti o partite impegnative è una questione importante. La rigenerazione inizia subito dopo l'allenamento con il run-out. Poi allungo e allungo le parti muscolari particolarmente tese e stressate. A volte vado anche dal fisioterapista per farmi un massaggio. Nelle baite di Losanna abbiamo anche le cosiddette “vasche fredde” con acqua ghiacciata, che favoriscono anche la rigenerazione. A volte viene utilizzato anche un blackroll.

Cosa ne pensi del CBD? Il CBD ha un effetto positivo su di te?
Fabian: Il CBD ha sicuramente effetti positivi sulla rigenerazione di atleti professionisti e dilettanti. Apprezzo particolarmente l'effetto calmante. ZUYA ZERO è un buon prodotto perché non contiene THC ed è quindi adatto anche agli atleti professionisti che devono affrontare regolarmente i test antidoping. Prendo principalmente CBD dopo allenamenti rigorosi e quando sento di entrare in una fase molto rigorosa in cui ho bisogno di forza e un buon recupero è essenziale.

Blog

UNSERE NEUSTEN BEITRÄGE