Der BergBlüten Jahresrückblick 2022

Ein Jahr zählt 365 Tage. 365 Tage, an denen man etwas bewirken kann. 365 Tage, an denen man an sich selbst arbeiten und wachsen kann. Tage, die man nutzen kann, um vorwärtszukommen und sich zu verbessern. Auch wir bei der BergBlüten AG haben in den letzten 365 Tagen einiges erlebt. Mit viel Freude präsentieren wir: Unser BergBlüten Jahresrückblick 2022.

Aktienkapitalerhöhung

Bereits im Frühling dieses Jahres haben wir als BergBlüten AG eine AKTIENKAPITALERHÖHUNG durchgeführt, um das Eigenkapital des Unternehmens zu erhöhen. Die Aktienkapitalerhöhung wurde genutzt, um wichtige strategische Partnerschaften zu fixieren. Durch die Zusammenarbeit mit renommierten Partnern wie Scott Blakey, besser bekannt als Shanti Baba, konnten wir unsere Wettbewerbsfähigkeit stärken und neue Geschäftsmöglichkeiten erschließen.

Erstes Frauenprodukt

Ein weiteres erfreuliches Ereignis war der Launch unseres ersten spezifischen Frauenproduktes KRAFTTAGE. Krafttage ist ein wohltuendes Massageöl. Es wurde von Frauen für Frauen entwickelt. Wir haben uns bewusst dafür entschieden, ein Produkt speziell für Frauen zu produzieren und zu launchen, da wir der Meinung sind, dass Frauen in der heutigen Gesellschaft oftmals zu wenig Aufmerksamkeit und Unterstützung bekommen. Während eines Zyklus durchleben Frauen unterschiedliche Phasen. Körper und Geist brauchen an manchen Tagen mehr Unterstützung als an anderen. Während der Menstruation oder in den Wechseljahren ist Krafttage für Frauen da, um Ruhe und Kraft zu schenken, Weiblichkeit zu zelebrieren und die individuellen Stärken von Frauen in den Mittelpunkt zu stellen.

Neue Manufaktur

Ein Highlight des Jahres 2022 war die APERTA. Zusammen mit unserem Team und vielen BergBlüten-Fans durften wir unsere neue BergBlüten Manufaktur eröffnen und einweihen. Mit dieser hochmodernen Anlage haben wir einen Schritt Richtung Zukunft gemacht. Durch die neue Kurzwegdestillationsanlage konnten wir die Qualität unserer Produkte stark verbessern. So sind wir im Stande eine höhere Qualität zu gewährleisten, welche sich im Geschmack und vor allem in der Wirksamkeit bemerkbar macht. Unsere eigene Produktionsstätte bietet uns die Möglichkeit, CBD-Produkte der Spitzenklasse herzustellen, und das völlig autonom. Dank Analysen von beispielsweise unserem CBD Öl BergBlüten Ursprung können wir durch die gewonnenen Erkenntnisse unsere Produkte stetig verbessern und die hohen Qualitätsansprüche unserer Kunden erfüllen.

Interview mit Julia Anna Sattler, Tänzerin

INTERVISTA CON JULIA ANNA SATTLER, DANZATRICE

Julia, un'ex ballerina professionista poco più che trentenne, siede di fronte a me con un abito di lana blu, le gambe elegantemente incrociate, i lunghi capelli biondi appoggiati con disinvoltura sulle spalle.

quando hai iniziato a ballare?

Ho iniziato a ballare quando avevo 3 anni e mi ha entusiasmato così tanto che ho continuato a volerne sempre di più. All'età di 9 anni ho iniziato ad allenarmi nella danza alla SBBS (Swiss Ballet School, oggi Zhdk).

E il tuo stile di ballo?

Mi è piaciuto l'allenamento di danza classica, come puoi immaginare, con collant attillati, scarpe da punta e uno chignon stretto tra i capelli. Ma ovviamente mi sono formato anche in altri stili come il jazz, la danza contemporanea, la danza di carattere e così via. . .

E dopo la laurea?

Beh, non ho mai ballato in una compagnia puramente classica.

Perché no?

Durante la mia formazione mi è stato detto che non ero abbastanza bravo per il balletto classico.

Non abbastanza buono - fisicamente?

Non necessariamente fisicamente, ma tecnicamente non abbastanza pulita per diventare una ballerina. Non me l'hanno detto fino al mio ultimo anno all'Opera di Stato di Vienna (sorride e beve un sorso di caffè).

Ok, parole dure. A proposito, ci sono voci su Company's. È vero che molti ballerini usano stimolanti o droghe?

Non sono mai stato in un'azienda del genere, lo so solo per sentito dire. Ma sì, il consumo di alcuni stimolanti sembra essere molto diffuso. Soprattutto nelle aziende classiche la pressione è enorme, devi funzionare non importa come e in quali condizioni.

Pazzesco se si considera che il corpo è il principale strumento di lavoro per voi ballerini. Cosa dici di nuovo, quando inizia la tua data di scadenza, a 35 anni?

Sì, inizia verso i 30.

Pensi che sia giustificato?

È vero, dopo i 35 anni difficilmente ottieni nuovi impegni, ci sono alcune eccezioni.

Dovrebbe essere cambiato?

Assolutamente, ma questo ha a che fare con le strutture di questo settore e anche con il generale abuso di potere. L'immagine della bella ragazza e del ragazzo è ancora popolare sul palco. Anche la maggior parte dei pezzi classici parla di questo. Ecco perché apprezzo la danza contemporanea, perché rompe con tali immagini e si nota un cambiamento. Un giovane ballerino ha sicuramente la tecnica, ma un ballerino esperto e più anziano ha l'emozione necessaria e, secondo me, non puoi impararla, puoi solo viverla.

Cosa intendi per abuso di potere?

Sperimentiamo questo argomento in connessione con #metoo. Tradotto nel mondo del teatro, significa persone di alto rango, unici governanti, ad esempio il regista terrorizza il personale del teatro e sfrutta spudoratamente la sua posizione. Ho scritto la mia tesi di laurea a riguardo. I ballerini sono ancora in balia dei loro superiori e praticamente non hanno diritti. Se esprimi la tua opinione o ti senti diversamente, non otterrai il ruolo successivo, è così semplice.

Tornando a te, cosa è successo dopo il tuo allenamento?

Nel mio ultimo semestre ho fatto audizioni in tutta Europa e poi ho ottenuto il mio primo impegno in una compagnia junior. Lì ho ballato in un modo molto contemporaneo, il che era molto insolito, cioè a piedi nudi e con i capelli al vento (ride).

Un momento emozionante con molti ballerini e culture diverse. Molto libero, il che a volte è stato impegnativo per me, che è legato alle strutture classiche.

Persone e culture diverse. La tua vocazione ti ha portato anche in Israele, raccontamelo.

Sì, ho ballato in Israele per diverse compagnie e progetti per 3 anni. Un paese in cui mi sono sentito molto a mio agio.

Sentirsi bene perché?

Potrei essere quello che sono. A volte rumoroso, arrabbiato, felice, sii e basta. La cultura e la gente mi hanno accolto molto calorosamente e il mondo della danza in Israele è davvero unico, emotivo, direi quasi animalesco.

Vorrei tornare di nuovo alla fisicità. Quali sono i danni rimanenti dopo una simile carriera di ballo?

Non si può generalizzare, ma la schiena è sicuramente un grosso problema, le ginocchia e le caviglie. Io stesso mi sono rotto un piede mentre ballavo. Questo è qualcosa che accade rapidamente quando il corpo è stanco e oberato di lavoro.

Pensi che come ballerino sei sufficientemente sicuro nella vecchiaia?

Non proprio. C'è un lento sviluppo nei teatri e qualcosa come punti di contatto, ma c'è ancora molta strada da fare. Il reddito di un ballerino è paragonabile a quello di un cassiere, solo che di solito non finisce a 35 anni. La maggior parte lascia questo settore senza sicurezza finanziaria o prospettive di carriera in seguito. Inoltre, molti di loro non si sono diplomati a causa di tutta la formazione.

Quindi questo significa che dai il massimo, allenati come un matto per a breve lasso di tempo per il successo e quindi non solo hai un corpo e una mente cattivi, ma anche zero sicurezza nella vecchiaia?

Sì, potresti metterla così (sguardo pensieroso).

Ok, quindi la mia ultima domanda è perché? Cosa significa ballare per te?

La danza è la mia casa per me.



Julia proverà la nostra Orange Edition limitata Zuya durante il suo periodo di prove nelle prossime settimane. Ti diremo come lo trovi!

Julia può essere vista il prossimo 17 febbraio 2022 nella produzione di apertura del Jungspund Theatre Festival: https://jungspund.ch/eskamelimzirkus/

Immagine: ©Roland Teubl

Blog

UNSERE NEUSTEN BEITRÄGE